Google Stadia: per giocare in 1080p e 60fps sarà necessaria una connessione da 25Mbps

By Stefano Paglia, giovedì, 21 marzo 2019 08:56 GMT

Phil Harrison svela nuovi dettagli su Google Stadia.

Google Stadia promette di rivoluzionare il mondo del gaming come lo conosciamo.

Il servizio di streaming della grande G può contare su un’infrastruttura solida e promette di supportare anche i giochi in 4K e 60fps sin dal lancio, come ad esempio Doom: Eternal.

Tuttavia in molti si staranno chiedendo: “che tipo di connessione servirà per sfruttare Stadia?“. Un punto assolutamente da non trascurare, specialmente qua in Italia.

Google Stadia

In un’intervista con Kotaku, Phil Harrison, il boss di Google Stadia, ha confermato che sarà necessaria una connessione da 25 megabits al secondo per giocare alla risoluzione 1080p con un framerate di 60fps. La cosa interessante è che per arrivare alla risoluzione 4K invece saranno necessari solo 30 megabits al secondo.

Siamo stati in grado di fare molti test con Project Stream lo scorso anno, a partire da ottobre.“, afferma Harrison. “Per arrivare a 1080p e 60fps sarà necessaria una connessione a internet da 25 Mbps. A dire il vero, utilizziamo anche meno banda, ma questo è il limite che raccomandiamo.

Ma con le innovazioni che abbiamo fatto dal lato dello streaming e della compressione sin dai test dell’anno scorso, al lancio, saremo in grado di raggiungere il 4K ma alzando soltanto il requisito della banda a soli 30 megabits per second. Quindi se avrete una banda inferiore, vi offriremo una risoluzione inferiore… Facciamo molto per voi in background e vi offriremo l’appropriato quantitativo di banda per l’infrastruttura che avete.“.

 

Dichiarazioni decisamente interessanti e che fanno ben sperare. Ma per sapere se queste promesse verranno effettivamente mantenute dovremmo attendere ancora qualche mese.

Google Stadia infatti debutterà negli USA, in Canada e alcuni paesi Europei entro la fine dell’anno. La data di lancio preciso così come i prezzi per poter usufruire del servizio non sono stati ancora svelati, ma probabilmente ne sapremo di più all’E3 2019 di giugno.

Che ne pensate?

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com