Fortnite, Paladins e PUBG sono stati vietati in Cina a causa dei “contenuti espliciti”

By Luca Paternesi, mercoledì, 12 dicembre 2018 12:57 GMT

La mannaia della censura cinese ha colpito alcuni dei titoli più famosi sul mercato, come Fortnite, PUBG e Paladins, vietandone la vendita.

Che la censura imposta dal governo cinese sui media sia decisamente restrittiva è cosa abbastanza nota ma questa volta a farne le spese sono stati titoli celebri in tutto il mondo come Fornite, PUBG e Paladins.

fortnite

Recentemente il governo cinese ha infatti creato un “comitato etico” per la revisione dei videogame online e, su una ventina di titoli analizzati pare che solo 9 siano stati ritenuti idonei alla pubblicazione nello stato asiatico.

Ad alcuni titoli come World of Warcraft, Diablo e Overwatch sono state richieste delle “azioni correttive” (censure varie) per rendere il prodotto adeguato alla vendita sul mercato cinese mentre alcuni giochi sono stati direttamente “bannati”.

Tra i titoli di cui è stata vietata la vendita sono presenti dei veri pezzi da novanta dell’odierno mercato videoludico come Fortnite, PUBG o Paladins. I primi due sono stati vietati a causa della presenza di sangue e contenuti violenti mentre Paladins ha ricevuto una bocciatura anche per i personaggi femminili che mostrano “troppo esplicitamente” le proprie grazie.

A proposito di Fortnite, lo sapevate che un leak svela le Sfide della Settimana 2 della Stagione 7

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com