Ninja critica i genitori che mandano i figli in riabilitazione per “dipendenza da Fortnite”

By Stefano Paglia, giovedì, 29 novembre 2018 10:43 GMT

Per Ninja più che la “dipendenza da Fortnite” il vero problema sono i “genitori pessimi”

Un recente report di Bloomberg, rivela che alcuni genitori hanno inviato i loro figli in terapia poiché ritenuti troppo assuefatti da Fortnite. Ma Ninja, celebre streamer e icona del panorama del titolo Epic Games, la pensa in modo molto differente.

L’articolo parla di come molti genitori sono talmente tanto preoccupati dal numero di ore passate dai figli su Battaglia Reale da averli mandati in riabilitazione. “Il gioco è come l’eroina“, afferma Lorrine Maner, specialista di disturbi comportamentali infantili, “una volta dentro, è difficile uscirne“.

Uno dei genitori, Debbie Vitany, afferma che il figlio diciassettenne passa 12 ore al giorno a giocare a Fortnite, il che influisce negativamente sul rendimento scolatstico, le ore di sonno e, in generale, sulla sua salute.

Sulla “dipendenza da Fortnite” è intervenuto anche Ninja, riportando tutto alla sempreverde questione “se i bambini e gli adolescenti passano così tante ore su un videogioco, è colpa del videogioco stesso o dei genitori che permettono un comportamento simile?”.

Un concetto espresso, tuttavia, in maniera decisamente più diretta e provocatoria dallo streamer su Twitter: “Il titolo dell’articolo dovrebbe essereDei pessimi genitori non sanno come allontanare i loro figli dai videogiochi”“.

E voi cosa ne pensate?

Sapevate che i Pinnacoli Pendenti sono di nuovo a rischio?

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com