Il porting di Dark Souls Remastered ha richiesto poco più di un anno di lavoro

By Antonio Izzo, lunedì, 5 novembre 2018 13:38 GMT

Scopriamo qualche dettaglio sullo sviluppo della versione Nintendo Switch di Dark Souls Remastered.

In una recente intervista, il produttore esecutivo di FromSoftware Lukas Codr e il produttore di Virtuos Tang Mengjia hanno svelato alcuni interessanti retroscena sullo sviluppo della versione Nintendo Switch di Dark Souls Remastered.

Codr ha rivelato che i lavori di conversione sono durati poco più di un anno: “All’inizio, abbiamo impiegato diversi mesi per mettere a punto una versione giocabile, poiché dovevamo assicurarci che tutti i dati fossero compatibili con il formato 64-bit. Molto tempo l’abbiamo inoltre trascorso nella rifinitura e nell’ottimizzazione delle performance. Dal momento che il gioco è stato pubblicato sia in digitale che in formato fisico, ci sono volute 6-8 settimane da quando è stato sottoposto a Nintendo fino alla pubblicazione”.

Mengjia ha inoltre svelato che per gli sviluppatori di Virtuos – team che si è occupato del porting – la parte più difficile è stata farlo girare in modalità portatile, poiché hanno dovuto assicurarsi che i controlli funzionassero a dovere anche in questa configurazione. Dark Souls, infatti, non venne concepito per essere giocato in mobilità.

Cosa ne pensate del risultato? Ricordiamo che Dark Souls Remastered, oltre che su Switch, è acquistabile anche su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com