Gli sviluppatori su Twitter reagiscono alle dichiarazioni di Rockstar sui lunghi turni lavorativi per Red Dead Redemption 2

By Marcello Ruina, lunedì, 15 ottobre 2018 18:29 GMT

Rockstar è finita sotto l’occhio adirato di molti sviluppatori, dopo la rivelazione che Red Dead Redemption 2 ha richiesto 100 ore alla settimana di lavoro.

In una recente intervista, Dan Houser di Rockstar ha rivelato che il team di Red Dead Redemption 2 ha lavorato “100 ore alla settimana” per svariate settimane, una media di 14 ore al giorno .

Su Twitter, alcuni sviluppatori hanno voluto commentare questa scoperta, con toni (decisamente) di disapprovazione.

Qui di seguito, vi riportiamo qualche esempio:

  • Peter Stewart Creative Assembly (Total War, Alien Isolation)

Questa cosa non deve essere motivo di orgoglio, non importa quanto agrodolce lo fate sembrare. Non voglio che gli sviluppatori lavorino 100 ore alla settimana, anche se il risultato finale è il gioco dell’anno. Nessun gioco merita questo genere di sforzo.“.

Jodie AzharIndie (ex-Creative Assembly)

Questa cosa mi fa arrabbiare! 100 ore alla settimana non significa supportare i propri impiegati “in ogni modo possibile”. È ingenuo, sfruttatore e un brutto modo di lavorare. I grandi giochi non dovrebbero nascere a spese di chi li crea ed è qualcosa possibilissimo da evitare.“.

Andreas GschwariSplash Damage (Brink)

Sfortunatamente, alcuni sviluppatori vedranno il successo di Red Dead Redemption 2 e concluderanno che quello che serve per avere un gioco di successo è lavorare 100 ore alla settimana e che alla fine conta solo il risultato. Ma il danno arrecato alle persone che lavorano così duramente sarà ignorato.“.

100 ore alla settimana di lavoro sono veramente tante e, sicuramente, saranno in molti a pensare che sia troppo, perfino per un gioco come RDR2. Naturalmente, bisognerà anche vedere se è stata Rockstar ad imporre questo carico di lavoro ai suoi dipendenti, oppure se loro stessi l’hanno fatto di propria volontà.

Finché non avremo testimonianze certe, è meglio non saltare a conclusioni.

Cosa ne pensate? Secondo voi è giusta la filosofia del “il risultato è quel che conta”, oppure 100 ore alla settimana sono fuori discussione per qualsiasi lavoro?

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com