Gillette e PG Esports uniscono le forze per la Milan Games Week 2018

By Stefano Paglia, mercoledì, 3 ottobre 2018 14:47 GMT

Gillette, in occasione di Milan Games Week, e in collaborazione con PG Esports, ha ideato tre esperienze di formazione uniche per tutti i fan e i giocatori esports

Più considerazione per il gaming e i suoi aspetti positivi nella vita di tutti i giorni, donne giocatrici in crescita…ma non chiamatelo sport. Questo ciò che si evince da una recente ricerca sugli italiani e il sentiment sul gaming condotta da Eumetra in collaborazione con Gillette. L’occasione è il lancio della collaborazione fra il più noto marchio di grooming al mondo e PG Esports per la prossima Milan Games Week, l’evento dedicato al gaming più grande d’Italia.

In particolare, è emerso che per oltre il 50% degli intervistati giocare ai videogiochi non sia considerata una perdita di tempo, anzi per oltre il 75% sia funzionale allo sviluppo di determinate capacità cognitive quali attenzione, riflessi e concentrazione. Un aspetto colto in particolare dal target compreso tra i 25 e i 44 anni, che includono ultime generazioni che fisiologicamente sono più vicini al mondo 2.0 e che fa parte del proprio quotidiano.

La conoscenza delle dinamiche di questa realtà da parte degli italiani è in fase di ampliamento. Sebbene ci siano ampi margini di miglioramento si riscontra un aumento nella consapevolezza e nell’interesse verso i videogiochi” commenta Federica Pallavicini, psicologa ricercatrice e assegnista di ricerca esperta in realtà virtuale e videogiochi. A conferma, anche l’evoluzione nello strumento di accesso ai videogiochi che dalla classica consolle passa a tablet e smartphone (61%).Tablet e smartphonesono i supporti preferiti dalle donne intervistateche alla domanda “ti è capitato di giocare ai video giochi nell’ultimo mese” hanno data esito positivo nel 71,8% dei casi. I videogiochi dunque non sono più una prerogativa solo al maschile.

Approfondendo l’analisi sugli esports emerge che il 55% degli intervistati conosce o comunque ne ha sentito parlare e che ai giocatori di tale disciplina vengono riconosciute una professionalità e un ruolo positivo di trasmissione dei valori sociali e umani all’interno della società (impegno, costanza).

milan games week

Il 65% degli intervistati non considera gli esports player degli sportivi, sebbene recentemente il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) abbia apertoagli esports,riconoscendone il valore dell’impegno dei ragazzi verso il raggiungimento di una performance di alto livello.“Il mondo dello sport tradizionale e quello degli esports possono essere equiparati partendo da ciò che li accomuna, ovvero la “competizione”. I giocatori professionisti, in entrambi i casi, puntano ad un obiettivo e al suo pieno raggiungimento. A tal fine, si sottopongono a sessioni di allenamento fisico e psicologico le cui fasi principali sono “rilassamento”-“linguaggio interno”-“visualizzazione”. In alcuni casi, come ad esempio il tiro con l’arco,i focus sono gli stessi: concentrazione e precisione” aggiunge Mauro Lucchetta, psicologo dello sport e degli esports.

Il miglioramento delle prestazioni e la gestione delle risorse cognitive al fine di ottimizzare le proprie competenze è un asset che può essere applicato non solo nel mondo sportivo e degli esport, ma anche in quello professionale in senso tradizionale. Gli skills acquisiti in fase di allenamento da un eplayers sono poi applicabili in più ambiti. Gli eplayer professionisti sono per la maggior parte giovani che rientrano nel target che noi seguiamo con il progetto “Gillette Giovani promesse”commenta Gennaro D’ambrosio, Assistant Brand Manager di Gillette Italia.

Gillette, in occasione di Milan Games Week, e in collaborazione con PG Esports, ha ideato tre esperienze di formazione uniche per tutti i fan e i giocatori esports, le “Gillette Skills Challenges”.Sessioni guidate da due psicologi esperti del settore, Mauro Lucchetta (psicologo dello sport e degli esports) e Federica Pallavicini (psicologa e assegnista di ricerca esperta in realtà virtuale e videogiochi)che affronteranno diverse tematiche insieme a protagonisti nomi di spicco del mondo dei proplayer, alle prese con simulazioni 3D, eyetrackers, videogiochi indie e molto altro”.

PROGRAMMA “GILLETTE SKILS CHALLENGES”

  • Venerdì, 5 Ottobre – dalle ore 13.00 alle ore 14.00 – PG Arena
    • Visual Skills Challenge: sviluppo delle abilità del Player quali “capacità d’attenzione”, “decision making” e “riflessi”.
  • Sabato, 6 Ottobre – dalle ore 13.00 alle ore 14.00 – PG Arena
    • Tilt Challenge: gestione dello stress del Player e della difficoltà nel mantenere i nervi saldi sotto la pressione delle competizioni sportive.
  • Domenica, 7 Ottobre – dalle ore 11.00 alle ore 12.00 – Palco Radio 105
    • Gestione dello stress e videogiochi in realtà virtuale: l’evoluzione degli esports del presente/futuro, sia come strumento per migliorare il benessere e le abilità del player.

Durante tutte le giornate di Milan Games Week presso lo stand Gillette sarà possibile incontrare gli psicologi Federica Pallavicini e Mauro Lucchetta. Domenica, INVECE, saranno presenti anche alcuni dei volti di spicco del settore quali Daniele Paolucci, in arte “IcePrinsipe” – esports player professionista e Sodin (Davide Sodano) star youtuber.

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com