Bethesda ha esaudito il desiderio di un dodicenne malato di cancro facendolo giocare a Fallout 76 prima dell’uscita

By Antonio Izzo, lunedì, 24 settembre 2018 13:30 GMT

Un’iniziativa lodevole che ha reso il piccolo Wes incredibilmente felice

Wes è un dodicenne di Hampton Roads, Virginia, che combatte contro un Neuroblastoma, una raro tumore che colpisce il sistema nervoso autonomo, fin da quando aveva 5 anni. Dal momento che è ormai arrivato al quarto stadio, il medico e i genitori hanno deciso di interrompere il trattamento. Il piccolo, tuttavia, ha realizzato che potrebbe non farcela a giocare a Fallout 76, titolo che aspetta con impazienza, la cui uscita è fissata per il 14 novembre.

Per questo motivo, Matt Grandstaff, assistant director di Bethesda, si è recato a casa di Wes con una copia del titolo per permettergli di giocarlo in anteprima. Non solo, gli ha anche regalato il casco indossabile in scala reale dell’armatura atomica T-51 (che verrà incluso nella costosa Edizione Armatura Atomica di Fallout 76) autografato dal boss Todd Howard in persona!

Sebbene non abbia potuto tenere con sé il gioco poiché non è ancora completo, quelle ore trascorse giocando lo hanno reso molto più felice di quanto possiate immaginare”, hanno scritto i genitori su Facebook.

Non è la prima volta che Bethesda si rende protagonista di un’iniziativa del genere. In passato, tuttavia, la compagnia ha aperto le sue porte ai malati terminali, come parte del suo continuo supporto a Make-A-Wish Foundation. Questa volta, invece, si è recata direttamente a casa di Wes, poiché il piccolo non avrebbe potuto affrontare il viaggio di 4 ore che lo separa dal quartier generale di Bethesda nel Maryland.

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com