Ubisoft: ‘nessun rimorso nel bannare giocatori tossici’

By Pablo Bernocchi, sabato, 8 settembre 2018 14:27 GMT

Il brand director di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege di Ubisoft ha dichiarato che l’azienda non ha nessun rimorso quando si tratta di tutelare la comunità dei giocatori a discapito di quelli scorretti.

Alexandre Remy di Ubisoft ha parlato di come l’azienda si sia prefissata l’obiettivo di coltivare la propria comunità di giocatori basando la crescita sul rispetto reciproco. “Il nostro sistema di ban si sta facendo più efficace” ha detto il brand director di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege.

“Oggi il nostro sistema è in grado di riconoscere se un giocatore utilizza espressioni volgari, omofobiche o razziste nelle chat e se lo fa riceve un ban temporaneo. Dopo tre ban temporanei questi giocatori vengono espulsi per sempre con un ban permanente. E’ volontà di Ubisoft che si sappia come ci comportiamo con i giocatori tossici. Questo sistema si evolverà e continueremo a svilupparlo in futuro. Nei nostri piani c’è già la possibilità di bloccare queste parole in modo che non vengano proprio pubblicate nella chat.

 

ubisoft

“Qualcuno dirà che in questo modo la loro libertà è limitata, ma per noi non è una questione di libertà, si tratta di rispetto. Comportarsi in modo corretto. Chiediamo di comportarsi in modo rispettoso. Penso che con queste misure che abbiamo preso siamo sulla strada giusta per fare della nostra community un posto rispettabile.”

Avete letto che Rainbow Six Siege non arriverà su Nintendo Switch?

Fonte PC Gamer.

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com