Quantic Dream ha perso la causa contro l’ex dipendente che accusava lo studio di razzismo ed omofobia

By Claudia Marchetto, venerdì, 27 luglio 2018 11:46 GMT

Lo sviluppatore di giochi esclusivi per PlayStation, Quantic Dream, ha perso la causa contro uno dei dipendenti che a gennaio di quest’anno ha accusato l’azienda di razzismo.

A gennaio di quest’anno, Quantic Dream, lo studio fondato da David Cage, era stato accusato da una serie di ex dipendenti a causa delle pessime condizioni lavorative. Queste informazioni erano state pubblicate in seguito sui tabloid francesi come Le Monde, Canard PC e Mediapart.

Quantic Dream

Secondo queste accuse, Cage e Fondaumiere sono stati accusati di condotta inappropriata. Dai report, traspare come David Cage sia una figura con cui sia difficile lavorare e ironicamente soprannominato “Papa”, “Dio” e “Re Sole” per il suo approccio autocratico al lavoro, per imporre turni lavorativi estremamente lunghi e per ignorare le opinioni dei colleghi. Cage inoltre è stato accusato di scarsa considerazione nei confronti della quota femminile dello studio e per commenti inappropriati sui dipendenti o gli attori che recitano nei titoli di Quantic Dream.

Quantic Dream in seguito avrebbe citato i giornalisti che hanno portato alla luce il caso delle molestie. Tuttavia, secondo il giornalista Nicholas Turcev, la causa intentata a seguito di immagini photoshoppate dei dipendenti, è stata persa dallo studio di sviluppo.

Turcev ha dichiarato: “Quantic Dream ha perso la causa contro uno degli ex dipendenti riguardante immagini photoshoppate. Tuttavia lo studio di sviluppo può ricorrere in appello, se lo desidera“.

Rimanete sintonizzati con noi per ulteriori sviluppi della vicenda.

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com