Mario Tennis Aces e quel sadismo alla Mario Kart – recensione

By Luca Forte, lunedì, 9 luglio 2018 12:42 GMT

Scopriamo assieme la nuova scampagnata di Mario e soci nel mondo del tennis.

Mario Tennis Aces è la nuova esclusiva arrivata su Nintendo Switch. E nella migliore tradizione dei “Mario sportivi” è un gioco capace di combinare perfettamente uno stile divertente e arcade con una vagonata di improperi che manco nei peggiori bar di Caracas…

Mario Tennis Aces

Se state pensando a Mario Kart, sì, il paragone potrebbe essere azzeccato. Questo perché, soprattutto durante la piacevole modalità avventura, ovvero una serie di missioni che Mario dovrà affrontare per salvare Luigi da una racchetta maledetta, le situazioni nelle quali vi sentirete ingannati dal gioco saranno tante. Immaginate di dover fare centinaia di scambi consecutivi con la possibilità di commettere al massimo 3 errori. E che al 390° o giù di lì il simpatico avversario decide di colpire il palo posto al centro della rete, trasformando il dritto incrociato in un passante. O di non riuscire a colpire la pallina per colpa di un’esplosione incontrollata. Le bestemmie.

L’altro lato della medaglia è che abbiamo finalmente un buon gioco di tennis tra le mani, veloce, colorato e anche discretamente tecnico. Mario e soci avranno diversi colpi a loro disposizione, alcuni normali, altri decisamente fantasiosi. Non solo ci saranno slice, top spin e pallonetti, ma questi sono combinati in un sistema stile morra cinese che consente di rispondere in maniera più efficace al colpo avversario. In Aces, inoltre, debuttano due mosse: la prima è un colpo caricato da direzionare grazie ai sensori di movimento contenuti all’interno di tutti i controller di Switch. Il secondo è un salto che, se utilizzato col giusto tempismo, consente di raggiungere palline apparentemente irraggiungibili.

Tutta una questione di tempismo

Il tempismo in Mario Tennis Aces è una caratteristica fondamentale. Innanzitutto definisce la qualità di una risposto o di una battuta. Azzeccando il momento corretto di colpire una pallina, infatti, si avrà un effetto più accentuato, oltre che una maggiore potenza e precisione. Al contrario, un colpo goffo dà all’avversario la possibilità di effettuare un colpo caricato. Quest’ultimo, oltre ad una velocità e una potenza notevoli, rischia di spaccare la racchetta di quegli avversari che non sono in grado di colpire la palla col giusto timing. E una volta distrutte tutte le racchette è K.O., non importa che stiate vincendo l’incontro. Quindi starà a noi decidere se angolare bene il colpo o se spedirlo direttamente sull’avversario, così da indurlo all’errore.

Mario Tennis Aces

Nonostante l’aspetto sfarzoso, quindi, Mario Tennis Aces si presta anche a confronti più tecnici e accesi. Nella migliore tradizione di Nintendo, dunque, il gioco ha più anime e ognuno può scegliere quella più affine. C’è la parte leggera e divertente adatta ai bambini, che potrebbero divertirsi a scuotere come dei pazzi i Joy-Con in pieno stile Wii Sport. Ma c’è anche la parte più seria e competitiva, da sfogare online. Peccato che (anche) il questo caso Nintendo abbia voluto limitare al massimo le opzioni a disposizione. Se questo funziona abbastanza bene in Arms e Splatoon 2, in Mario Tennis Aces non poter scegliere le regole, il campo o la lunghezza di un incontro sono limiti piuttosto difficili da digerire. Nonostante funzioni tutto alla grande, il reparto online è al momento troppo spoglio per rappresentare uno sfogo naturale una volta finita la modalità avventura.

Ed è forse questo il limite più grande di un gioco comunque solido e divertente. Mario Tennis Aces non sembra però avere una longevità particolarmente accentuata e rischia di venir messo in panchina per lungo tempo in attesa della serata con gli amici o dell’occasione particolare. Ed è un peccato visto che avrebbe tutto per poter stare più a lungo nei nostri Switch. Ma con Fortnite, Splatoon 2 e il prossimo Arena of Valor, la competizione è ormai selvaggia.

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com