Per Kojima l’obiettivo di Death Stranding è di “ricollegare il mondo”

By Claudia Marchetto, giovedì, 14 giugno 2018 13:40 GMT

Inoltre il personaggio interpretato da Norman Reedus sarà l’unico giocabile all’interno di Death Stranding.

Death Stranding, nonostante siano passati due anni dal suo annuncio, continua a rimanere un completo mistero al di là del trailer svelato quest’anno.

Fortunatamente il creatore, Hideo Kojima, ha fatto luce su alcuni punti riguardanti il gioco. Parlando con il giornalista Geoff Keighley, Kojima ha enfatizzato sul fatto che in Death Stranding combattere non sarà l’obiettivo primario. Anzi, vi saranno molteplici possibilità per evitare quanto più i combattimenti.

L’obiettivo di questo gioco è riconnettere il mondo. Ci sono un sacco di persone che sono interessate nei giochi sparatutto ed è un’opzione disponibile in Death Stranding. Tuttavia non è una scelta che mi sento di raccomandarvi. Andando avanti con la storia, le persone realizzeranno che sparare a qualsiasi cosa non è l’opzione più valida“.

Death Stranding

Inoltre Kojima ha rivelato che il personaggio di Norman Reedus sarà anche l’unico giocabile, nonostante il trailer mostrato all’E3 suggerisse l’utilizzo di altri personaggi in modalità multiplayer.

Death Stranding è attualmente in sviluppo per PlayStation 4. Attualmente non è stata ancora annunciata una data di lancio. Kojima durante la conferenza ha svelato inoltre altri dettagli sul suo lavoro e sugli attori coinvolti in questo progetto.

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com