Red Dead Redemption 2 – Tutto quello che sappiamo finora

By Giovanni Panzano, martedì, 8 maggio 2018 14:00 GMT

Rockstar Games si prepara a riportarci nel selvaggio west con Red Dead Redemption 2. In attesa di scoprire qualche dettaglio in più, proviamo a fare il punto della situazione.

Nonostante l’uscita di Grand Theft Auto V su PlayStation 4 e Xbox One, Red Dead Redemption 2 segna il vero debutto di Rockstar Games sull’attuale generazione di console. Questo secondo capitolo della serie è stato infatti interamente pensato per le console odierne, in modo da sfruttarne al massimo il potenziale ed offrire la migliore esperienza possibile.

A rendere tutto questo possibile è l’unione delle forze dei numerosi team dell’azienda, che vede la collaborazione tra le sedi di San Diego, New York, Toronto, New England e Rockstar North. Visto il recente flusso di informazioni svelate sul gioco, abbiamo deciso di proporvi un articolo riassuntivo di tutto ciò che è stato fino ad ora annunciato per il gioco. Ecco quindi tutto quello che c’è da sapere su Red Dead Redemption 2.

L’allegra combriccola di Dutch

Red Dead Redemption 2 ci narra fatti antecedenti al capitolo con protagonista John Marston, portandoci nell’America del 1899, periodo in cui le autorità stanno lentamente avendo il sopravvento sui banditi. In un contesto così delicato il giocatore vestirà in panni di Arthur Morgan, uno dei principali membri della nota banda di Van der Linde e braccio destro di Dutch.

Inutile dire che nel gioco vedremo alcuni volti noti a tutti coloro i quali hanno giocato e finito il primo episodio. Ci saranno Bill Williamson, Javier Escuella e un giovane John Marston. La banda sarà la vostra famiglia, permettendo in qualunque momento di interagire con i vari membri della gang sia per ragioni di storia, quindi missioni principali e secondarie, che di gameplay. Sarà ad esempio possibile chiedere ad uno dei vostri compagni di accompagnarvi in una sessione di caccia o una rapina. Fortunatamente in questo caso non c’è Roman e non c’è il bowling, quindi starà al giocatore scegliere come e quando gettarsi in questo tipo di attività. A questo proposito va specificato che non avrete una fissa dimora e l’accampamento, che funge da hub centrale, si sposterà nel corso del gioco.

Della storia invece non sappiamo molto se non che nelle fasi iniziali del gioco un grosso colpo andrà in fumo e l’intera banda di Dutch si troverà in grosse difficoltà.

Open-world²

Mentre è ancora difficile sbilanciarsi sulla storia del gioco, è praticamente impossibile non restare sbalorditi dalle informazioni note sul gameplay. Da questo punto di vista, infatti, Red Dead Redemption 2 sembra davvero intenzionato a rappresentare un’evoluzione per il concetto di open-world. Il mondo di gioco sembra infatti essere vivo e in grado di essere plasmato dalle azioni del giocatore. Ogni singolo PNG non solo avrà la propria routine quotidiana, ma permetterà di interagirvi dando vita a situazioni sempre diverse.

Potrete chiacchierare con uno sceriffo per evitare uno scontro a fuoco oppure intimidire eventuali testimoni di qualche vostra scorribanda. Almeno sulla carta sembra ci siano davvero pochi limiti in tal senso. Stando poi a quanto dichiarato dagli sviluppatori, spetterà al giocatore decidere se Arthur sarà buono o cattivo. La natura del nostro protagonista varierà tramite il ritorno di un sistema legato all’Onore, simile alla Fama vista in RDR. Molto probabilmente vi sarà la possibilità, anche questa volta, di indossare una bandana per evitare di influenzare questa statistica con le nostre azioni.

Un revolver per amico

Sul gunplay non si conoscono grossi dettagli se non che dovremmo trovarci di fronte ad un’esperienza grossomodo simile a quanto visto in GTA V. Inutile dire che il Dead Eye, versione riveduta e corretta del bullet time, farà il proprio ritorno e permetterà ancora una volta di scaricare tutti i proiettili della propria arma sui bersagli evidenziati. La reale differenza col primo episodio risiede principalmente nell’impossibilità di trasportare contemporaneamente tutte le armi a disposizione. Questa scelta obbliga quindi il giocatore a portare con sé solo una pistola e un’arma pesante, da scegliere saggiamente.

In aiuto al giocatore arriva però il cavallo, che in questo secondo capitolo sarà più che un semplice mezzo di trasporto. L’equino potrà infatti fungere da inventario e avrà una propria personalità. Ci saranno cavalli spaventati dall’acqua, con tendenza ad agitarsi o con particolari reazioni in base al tipo di terreno. Proprio per questo il nostro protagonista potrà accarezzare, dare da mangiare e interagire in altri modi con il proprio animale. Non si tratta di azioni fini a se stesse, poiché migliorano il rapporto con il cavallo e, di conseguenza, la sua efficienza sul campo.

Far West Online

L’unico aspetto del gioco di cui non si conosce praticamente nulla è il multiplayer. Voci di corridoio vogliono la presenza di una modalità battle royale, ormai una vera e propria moda presente in quasi tutti i titoli online. Sempre secondo alcuni rumor il gioco potrebbe avere un particolare focus su mezzi di trasporto come le carrozze. Queste dovrebbero essere personalizzabili in vari modi, ad esempio dotandole di mitragliatrici fisse o armi pesanti di vario genere.

In attesa di scoprire ulteriori dettagli, vi ricordiamo che Red Dead Redemption 2 arriverà nei negozi solo per PlayStation 4 e Xbox One. Il titolo verrà venduto in diverse edizioni, le quali saranno annunciate nel corso del prossimo mese.

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com