Cosa è andato storto con Assassin’s Creed: Unity? Ubisoft ci parla dei suoi “errori”

By Marcello Ruina, venerdì, 23 marzo 2018 16:30 GMT

Assassin’s Creed: Unity non è stato il capolavoro che si aspettavano tutti…perché?

unity

Durante la GDC 2018, il creative director di Ubisoft, Jean Guesdon, ci ha raccontato la storia della serie Assassin’s Creed, concentrandosi in particolar modo su Assassin’s Creed: Unity, primo capitolo next-gen per PC, PS4 e Xbox One, macchiato da un numero considerevole di problemi tecnici e bug, nonché da un gameplay che accusava il peso degli anni.

Ecco quanto raccontato da Guesdon sugli errori commessi durante lo sviluppo:

Avevamo un nuovo engine, diverso dai predecessori, tutt’oggi Unity è uno dei giochi più belli da vedere. Ma, allo stesso tempo, avevamo esordito nella costruzione di ambienti in scala 1.1 e questo ha avuto un impatto sulla navigazione e sul gameplay, per non parlare della componente co-op. Siamo caduti nella trappola di lavorare troppo alla parte tecnica, togliendo tempo al team di creare dei contenuti freschi e nuovi. Alla fine, questa è come la vedo io, Avevamo un gioco visivamente bellissimo, ma che non rinnovava molto l’esperienza.“.

Guesdon ha proseguito, citando altri punti molto criticati dalla community, come l’abbondanza di icone nella mappa principale, la necessità di usare una Companion App per alcune feature esclusive e, ovviamente, il famoso “no face” bug.

E come ciliegina sulla torta è successo anche questo. Anche se, devo dirlo, è accaduto solo con una scheda grafica. Il gioco ha sofferto per tutto questo. In breve, siamo volati troppo vicino al sole e abbiamo esagerato. Ecco perché Syndicate doveva concentrarsi sulla qualità, cosa che il team ha fatto molto bene.“.

Cosa ne pensate? Secondo voi Unity meritava un trattamento migliore? Oppure, secondo voi, il titolo gode di pregi/difetti che trascendono i problemi tecnici e di gameplay?

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com