L’ESA conferma che questa settimana si confronterà con Trump sul tema della violenza nei videogiochi

By Stefano Paglia, martedì, 6 marzo 2018 08:29 GMT

L’ESA è pronta a difendere l’industria videoludica durante il meeting con Donald Trump

La scorsa settimana un portavoce della Casa Bianca aveva annunciato l’intenzione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump di incontrare i rappresentanti dell’industria videoludica per discutere di videogiochi violenti e sicurezza nelle scuole.

Un incontro a cui inizialmente l’ESA (Entertainment Software Association), il gruppo che comprende rappresentati di compagnie leader del settore come Activision, EA, Nintendo e Microsoft, non sembrava essere stata invitata.

Tuttavia oggi l’associazione ha confermato l’incontro con Trump, che avverrà il prossimo giovedì 8 marzo. Il tema del meeting riguarderà ovviamente i videogiochi violenti e il loro impatto sulla formazione dei giovani ragazzi e la loro correlazione con la violenza.

I videogiochi sono apprezzati in tutto il mondo e numerose autorità e stimati studi scientifici hanno dimostrato che non c’è nessuna connessione tra i videogiochi e la violenza nella vita vera. Come tutti gli americani, siamo profondamente preoccupati riguardo al livello di violenza con armi da fuoco negli Stati Uniti.“, ha affermato l’ESA.

I videogiochi chiaramente non sono il problema: questa tipologia di intrattenimento è distribuita e consumata a livello globale, eppure gli USA hanno il più alto livello di violenza con armi da fuoco di ogni altra nazione. L’incontro alla Casa Bianca, a cui l’ESA parteciperà, permetterà di avere una discussione basata sui fatti riguardo alla classificazione dei videogiochi, l’impegno dell’industria nei confronti dei genitori e degli strumenti che forniamo per permettere di fare scelte informate.

Al momento non sono ancora chiare tutte le modalità dell’incontro: non sappiamo infatti quanti e quali membri dell’ESA parteciperanno e se il Presidente Trump parteciperà in prima persona all’incontro o se piuttosto il vice presidente Mike Pence o un delegato prenderanno le sue veci.

Continueremo a monitorare la situazione e ad aggiornarvi in caso di ulteriori novità in merito.

Fonte

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com