Un match di Call of Duty finisce in tragedia: morto un ventottenne vittima di “Swatting”

By Giuseppe Carrabba, domenica, 31 dicembre 2017 09:30 GMT

Un’immane tragedia ha segnato duramente gli ultimi giorni di questo 2017.

171493719.jpg.0

Vi abbiamo già parlato di Swatting in passato ma per chi non lo sapesse si tratta di uno “scherzo” che consiste nel contattare le forze dell’ordine e spingerle a intervenire ad armi spianate nelle case delle vittime.

Che ci crediate o meno, è stato più volte ordito ai danni di alcuni giocatori “colpevoli” di aver trionfato in dei semplici match in multigiocatore.

Quella che è una vera e propria barbarie, stavolta si è consumata nel Kansas ed è costata la vita a un ventottenne innocente.

Un match di Call of Duty in corso, una futile scommessa di appena 1,50 dollari e la conseguente discussione, hanno scatenato l’idiozia più sfrenata di uno dei contendenti, il quale – per farla pagare all’avversario – ha fornito un indirizzo alla polizia parlando di un crimine in atto.

Il risultato? L’indirizzo non era neanche quello giusto e un uomo assolutamente innocente è stato freddato dalla polizia in tenuta antisommossa.

Le chiamate “scherzo”, per esser chiari, parlano di omicidi plurimi in atto o di persone in ostaggio e spingono la polizia a reagire in modo estremamente aggressivo. Andrew Finch, la vittima di questi individui – parliamo sia del ragazzo che dei poliziotti che non hanno esitato a sparare – aveva due figli.

L’uomo sembrava non essere in possesso di un’arma e le indagini sono tutt’ora in corso.

Fonte: The Verge.com

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com