Fortnite: il cheater di 14 anni denunciato da Epic si scusa e promette di non utilizzare mai più nessun trucco

By Claudia Marchetto, martedì, 5 dicembre 2017 13:50 GMT

Lo studio ha risposto anche alla madre giustificandosi: “non sapevamo fosse minorenne”.

Ve lo ricordate il quattordicenne denunciato da Epic per aver utilizzato alcuni cheat all’interno di Fortnite e la madre che ha difeso il figlio accusando lo studio di far giocare minorenni senza il consenso dei genitori? Come sarà andata a finire la storia?

Il 30 novembre i legali di Epic hanno inviato una lettera al tribunale sostenendo che lo studio non ha nel modo più assoluto violato le leggi americane (in particolare la Regola 5.2 (a) e la Regola Civile Locale 17.2) in quanto non erano a conoscenza, una volta depositato i documenti per la denuncia, che l’imputato fosse minorenne.

fortnite battaglia reale

Tuttavia, il fatto di voler citare in giudizio le persone che utilizzano trucchi sembra essere ancora una delle linee guida di Epic. Un accordo raggiunto con un altro cheater, Charles Vraspir, impedisce il giocatore di utilizzare cheat all’interno del gioco, pena un’ammenda di 5 mila dollari.

Il quattordicenne tuttavia si scusa con Epic, promettendo di non utilizzare più nessun trucco. Lezione imparata, forse.

Fonte

Comments

Headlines

Cheater

Epic

Fortnite

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com