Il primo DiGRA italiano andrà in scena il 12 maggio all’Università IULM di Milano

By Andrea Guerriero, mercoledì, 10 maggio 2017 13:59 GMT

Milano si colora ancora una volta di gaming. Il 12 maggio andrà in scena il primo DiGRA in Italia tra le aule dell’Università IULM.

iulm-6-digra-italia

L’Italia è storicamente acerba in fatto di videogiochi, nonostante gli ultimi tempi stiano conferendo al medium dignità crescente anche nel Bel Paese. Se piccoli studi indipendenti come Darril Arts e Stormind Games sono al lavoro sul promettente horror Remothered: Tormented Fathers, approdato su Greenlight, Milano si prepara ad accogliere un nuovo grande evento a tema.

Si tratta del DiGRA (Italian Digital Games Research Association), ospitato tra le aule dell’Uiversità IULM il prossimo 12 maggio e dedicato agli appassionati e agli studiosi del videoludo. “Testi, Contesti e Pretesti Videoludici è il tema dell’edizione 2017 di DiGRA Italia (Italian Digital Games Research Association), una rete di studiosi interessati allo sviluppo e alla diffusione della ricerca sul videogioco. La prima conferenza italiana di DiGRA sarà ospitata da IULM, il 12 maggio, dalle 9.30 alle 19.00, nell’Auditorium”, è quanto si legge nel comunicato ufficiale, che fissa la location della kermesse nella sede IULM 6 del polo universitario in via Carlo Bo 7 a Milano.

“I videogiochi sono uno dei prodotti culturali più popolari in Italia. L’industria nazionale è formata da un numero crescente di piccole e medie imprese. L’ultimo censimento quantifica la produzione locale in circa 120 studi, concentrati prevalentemente nel nord Italia (61%), di cui 22% nell’area milanese. Nel recente studio Italia Creativa 2016 l’industria dei videogiochi italiana è stata definita ‘un settore in crescita con un grande potenziale’: al settimo posto per volume d’affari, il segmento videoludico genera circa il 7% dei ricavi dell’Industria italiana della Cultura e della Creatività. Nel 2015, il settore dei videogiochi ha realizzato un volume d’affari complessivo di circa 3.4 miliardi di euro. Tra occupati diretti e indiretti il settore impiega complessivamente oltre 15.000 persone, in crescita rispetto agli anni precedenti.
Il rapporto 2016 di AESVI, L’Associazione Editori di Software Videoludico Italiano, sullo stato dell’industria videoludica locale ha quantificato in 34% gli operatori del settore che hanno conseguito un Master o un Dottorato presso una istituzione accademica. Oggi, l’accademia offre programmi di studio specializzati che preparano a lavorare nell’industria del videogioco. Da questo punto di vista, la formazione universitaria gioca un ruolo cruciale nella preparazione di addetti ai lavori che possano competere sul mercato globale”
, spiega ancora il comunicato.

Entrando nei dettagli dell’imminente evento, sappiamo che “sarà un’occasione importante di incontro per studiosi, ricercatori e professionisti di lingua italiana interessati allo studio del videogioco. Tra gli obiettivi di DiGRA c’è quello di contribuire al dibattito accademico sul videogioco a livello nazionale, di incoraggiare la partecipazione di studenti, dottorandi e ricercatori sostenendone il lavoro a livello internazionale e di facilitare il dialogo tra l’accademia e il pubblico. Proprio per questo i protagonisti dell’evento saranno studiosi italiani residenti in Italia e all’estero e professionisti del settore desiderosi di contribuire alla ricerca sulla cultura ludica. È inoltre incoraggiata la partecipazione da parte di studenti e dottorandi”. La lista completa dei partecipanti è disponibile qui.

La conferenza è aperta alla presentazione di saggi, abstract, lavori collettivi e workshop inerenti allo studio sui videogiochi, sui videogiocatori e sulle culture ludiche. L’evento è gratuito e aperto al pubblico. Il programma completo è disponibile a questo indirizzo.

Fondata nel 2003, DiGRA collega centinaia di studiosi internazionali interessati alla ricerca sul videogioco come forma espressiva e culturale. Le conferenze DiGRA sono state organizzate negli Stati Uniti, Canada, Giappone, Australia, Finlandia, Olanda, Germania e Regno Unito. Inoltre, divisioni locali includono anche Cina, Turchia, Israele e Italia. Molti sono i partecipanti attesi da nazioni come Regno Unito, Germania, Canada, Olanda, Svizzera e Stati Uniti.

“L’ambizione di DiGRA Italia è diventare un punto di svolta per la ricerca sui videogiochi nel nostro Paese”, ha dichiarato Paolo Ruffino, docente presso la University of Lincoln, Regno Unito, e co-organizzatore dell’evento. “Anche se poco rappresentato nell’accademia italiana, lo studio videogioco parla, spesso, in lingua italiana, attraverso i tanti giovani ricercatori che si occupano del tema in Italia e all’estero”. “Lo studio del videogioco”, aggiunge Matteo Bittanti, docente di media studies alla IULM di Milano e co-organizzatore dell’evento, “non è che un altro modo di giocare. In questo caso, l’obiettivo consiste nel risolvere quel rompicapo affascinante che è il videogioco”.

Comments

Headlines

Conferenze

Digra

Eventi

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com