Let’s Play 2016 – Ray Bibbia – anteprima

By Luca Forte, domenica, 19 marzo 2017 13:26 GMT

Imparate gli esorcismi, vi serviranno quando precipiterete all’inferno per le bestemmie dette giocando.

Imprecare nei panni di un esorcista. Anche questo è #raybibbia! @letsplay_roma #indiegame #fun #smartgames

Un post condiviso da Vg247it (@vg247.it) in data:

Di fianco ai giochi più amati e venduti sul mercato, come The Legend of Zelda Breath of the Wild e Horizon Zero Dawn, al Let’s Play 2016 di Roma c’è stata la possibilità di avere una selezione dei migliori indiegame italiani. Da Little Briar Rose a Redout, freschi vincitori di Premio Drago d’oro, passando per Daymare 1998.

Tra questi un posto interessante se lo è ritagliato Ray Bibbia, un irriverente produzione nostrana che unisce alcune meccaniche da shooting bidimensionale con un’avventura testuale.

Avete capito bene.

Ray Bibbia è un prodotto dai diversi livelli di lettura. C’è il chiaro riferimento al celebre carcere romano (Rebibbia), c’è un riferimento alla Bibbia, moh vi dico anche il perché, c’è la parola Ray che indica sia il nome del protagonista, sia il fatto che si tratta fondamentalmente di uno sparatutto.

Lo stile grafico e l’impostazione generale potrebbero ricordare ad una prima occhiata The Binding of Isaac, ma Ray Bibbia non ha elementi da rogue-like, è un’avventura con una trama ben definita e scandita da una serie di combattimenti piuttosto impegnativi.

Il protagonista è Ray, un “esorcista privato” che userà la sua abilità per combattere le feroci manifestazioni del demonio che improvvisamente cominceranno a comparire tra le strade di Roma.

ray bibbia

Per affrontare il diavolo ad armi pari, il buon Ray dovrà sempre impugnare la sua fedele Bibbia, fonte inesauribile di potenti esorcismi da scagliare con potenza contro i nemici. Per farlo dovrete scrivere le formule di rito attraverso la tastiera.

Non preoccupatevi, non dovrete frequentare qualche anno di seminario prima di giocare, dato che ogni esorcismo sarà suggerito nella parte bassa dello schermo e dovrete semplicemente premere la giusta sequenza di tasti.

Peccato che contemporaneamente il demonio vi scaglierà addosso di tutto, obbligandovi in questo modo a usare una mano per evitare i colpi e l’altra per andare avanti con l’esorcismo. Nel caso in cui veniate colpiti, infatti, dovrete ricominciare da capo la formulazione dell’esorcismo. Con conseguente nuovo livello di lettura di tutto il prodotto: l’imprecazione.

Questo perché Ray Bibbia gioca molto su questo tipo di umorismo, magari un sacrilego, ma decisamente moderno e intelligente, fatto di battute (una classica “la tua principessa è in un altro castello” non poteva mancare) e forti contrasti. Come per l’appunto imprecare ferocemente mentre si è un prete esorcista impegnato a combattere il demonio attraverso le più efficaci preghiere mai concepite.

ray bibbia_1

Un altro contrasto potrebbe essere il mescolare la tensione, i riflessi e l’adrenalina necessari per sopravvivere alla pioggia di proiettili del demonio e lo scrivere, ovvero una delle cose che per molti è la più noiosa che è possibile fare con la tastiera. O lo humor sacrilego e il fatto che dopo aver giocato a Ray Bibbia saprete digitare molto più velocemente e con molti meno errori.

Inoltre il team ha già le idee ben chiare su come eventualmente portare il gioco su console -abbinando la lettera corretta ad un tasto casuale del pad- o su come cucire insieme i diversi combattimenti e far progredire la trama. Parti dei dialoghi, infatti, dovranno essere da voi digitati, così come la navigazione nella mappa di gioco avverrà scrivendo il nome della località da raggiungere.

Basti pensare che per cominciare la demo dovrete digitare S-T-A-R-T.

Inoltre è possibile imbastire una sorta di modalità cooperativa con un giocatore alle prese con la difesa e l’altro scatenato nello scrivere il più velocemente possibile gli esorcismi.

In altre parole il team di Ray Bibbia sembra aver prima di tutto pensato a come fare un prodotto intelligente e divertente e adesso sta cercando qualcuno disposto ad investire nel progetto. E vedendo il feedback ricevuto durante questi giorni di Let’s Play non dovrebbero faticare a trovarlo.

Quindi in bocca al lupo al Team di Ray Bibbia e ci si vede presto con alcune divertenti novità sul gioco.

Comments

Indie

Let's Play 2016

Ray Bibbia

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com