Team17 avrebbe potuto perdere la licenza dell’IP Worms alla fine degli anni ’90

By Riccardo Enrico, lunedì, 14 luglio 2014 16:57 GMT

Team17, studio conosciuto per la divertente saga di Worms, avrebbe potuto perdere l’IP per un accordo finanziario andato storto. Il tutto una ventina di anni fa.

Pare che Team17 avesse siglato un accordo con un editore (momentaneamente senza nome), a rivelarlo è una delle colonne portanti dello studio: il managing director Debbie Bestwick.

Bestwick rivela che alla fine degli anni ’90, lo studio era alle prese con il suo ultimo titolo della serie Worms, già in ritardo sulla tabella di marcia. La società ha così contattato un editore, il quale ha prestato una somma di denaro per lo sviluppo dello stesso gioco.

Tuttavia, una clausola fu aggiunta all’affare: se il gioco non avesse rispettato l’obiettivo di vendite fissato, l’IP Worms sarebbe stata ceduta.

La collaborazione con il team della casa editrice ha permesso a Team17 di monitorare costantemente gli ordini del gioco, venendo quindi a sapere dove ogni singola unità venduta sarebbe andata (l’obiettivo doveva essere raggiunto entro 12 mesi dall’accordo).

“Al momento, il finanziamento supplementare era necessario, ma è stato stupido accettare una clausola del genere”, ha detto Debbie Bestwick.

Fatto sta che Team17 è riuscito a superare l’ordine richiesto di vendite di circa 1.7%, garantendole quindi l’IP vermosa.

Lo studio ora pubblica ancora i giochi, come l’ultimo Worms Battleground, rilasciato su PlayStation 4 e Xbox One all’inizio di quest’anno.

 

Comments

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com