CD Projekt Red guarda alla realtà virtuale con interesse però…

sabato, 18 marzo 2017 15:59 GMT By Pablo Bernocchi

Lo sviluppatore di The Witcher III: Wild Hunt guarda all’evoluzione della realtà virtuale con un certo interesse, ma i tempi non sembrano maturi.

Nonostante uno dei co fondatori di CD Projekt Red sia così impegnato da non avere trovato nemmeno il tempo di giocare al premiatissimo The Witcher III a causa della sua frenetica attività lavorativa, Michał Kiciński ha però dichiarato che lo studio che dirige guarda alla realtà virtuale con curiosità.

Nonostante il debutto dei visori per la VR come Ocuslus Rift, PlayStation VR e HTC Vive non abbia sconvolto il mercato, come invece si sperava tutti coloro che si lasciavano andare a dichiarazioni forse troppo ottimistiche, CD Projekt Red è attenta e non ha escluso un futuro coinvolgimento, ma ci vorrà del tempo.

“E’ qualcosa a cui guardiano con interesse” ha detto Kiciński. “Noi raccontiamo storie. Se la VR può aiutarci nel nostro lavoro sicuramente la prenderemo in considerazione. Ma ora come ora, personalmente cerco qualcosa di più diretto come esperienza. Perché ho prenotato Switch per esempio? Non perché non lo volessi ma perché volevo Zelda. Forse non sono il più indicato (a giocare in VR) perché soffro di nausea.”

Avete letto perché CD Projekt Red si chiama proprio così?

Fonte Segment Next.

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com