Hideo Kojima: “Non riesco a smettere con i videogiochi, anche a 53 anni”

mercoledì, 11 gennaio 2017 11:53 GMT By Federico Faraon

Ci sono cose di cui non possiamo o vogliamo privarci, con cosa non riesce a smettere Kojima? Facile, i videogiochi.

Kojima-ds1-670x507-constrain

Non riusciamo a non prendere il pad in mano e giocare qualche oretta. Potremmo resistere un giorno o due ma alla fine il richiamo si farà sempre più forte. Ma cosa succede quando questo avviene dall’altro lato dello schermo, dove risiedono gli sviluppatori?

Il leggendario game designer, Hideo Kojima si è aperto in un’intervista per Sugoi Japan ed ha dichiarato:

Per gli ultimi 30 anni ho creato videogiochi e non riesco a smettere. Credevo che lavorando da solo avrei avuto una qualche via d’uscita ma mi sbagliavo. Ogni volta affiora in me il bisogno fisiologico di creare qualcosa di eccitante, qualcosa di mai visto prima. Questa è probabilmente la causa per cui continuo a fare tutto ciò anche a 53 anni“.

A quanto pare il buon Hideo sembra aver superato la fase più oscura della propria carriera, lasciandosi una volta per tutte Konami alle spalle.

Voci insistenti vogliono Stephanie Joosten per un ruolo principale in Death Stranding, gioco sviluppato da Kojima Productions.

Fonte: N4G

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com