Games for Change offre diecimila dollari per un gioco sull’immigrazione

mercoledì, 11 gennaio 2017 12:45 GMT By Federico Faraon

Con That Dragon, Cancer abbiamo visto quanto un videogioco sia capace di emozionare, quanto sia un mezzo adatto a raccontare ogni genere di storia, anche la più drammatica.

shutterstock_551845252.0

L’associazione Games for Change offre un premio di 10.000 dollari a coloro i quali avranno creato un gioco incentrato sull’immigrazione. Lo scopo è quello di abbattere ogni barriera innalzata da pregiudizi e xenofobia.

Games for Change si definisce come “un movimento, una comunità dedita all’utilizzo del medium digitale per promuovere il cambiamento sociale”.

A supportare l’iniziativa è il Migration Policy Institute di Washington D.C., un ente predisposto “all’analisi, allo sviluppo e valutazione di strategie per gli immigrati a livello locale, nazionale e internazionale”. La battaglia per l’integrazione sociale e culturale passa anche per le nostre piattaforme di gioco e questa sarà un’ottima opportunità per gli sviluppatori, per mettersi in mostra e per consacrare ancora di più il mezzo videoludico tra le arti audiovisive.

Un videogioco può guidare le persone verso la comprensione, la cooperazione lavorativa, il cambiamento della struttura culturale, economica e linguistica. Un videogioco può enfatizzare la partecipazione nell’aiutare i migranti e i propri vicini nel comprendersi reciprocamente“, questo lo slogan dell’iniziativa.

Il contest è aperto a tutti, con una deadline per le iscrizioni fissata per il 15 febbraio. Il 15 marzo verrà rivelato il vincitore del concorso, il quale riceverà il lauto premio.

Fonte: Polygon

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie.
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com